Ultime notizie

Voci dal Myanmar: “Una decisione molto difficile da accettare”

«Salve amici,

io sono un membro del Movimento per la Resistenza, per combattere la dittatura più brutale su questo pianeta.

Oggi vorrei spiegare quello che sta succedendo, veramente, in questa nazione. Faccio un esempio in modo che capisca la situazione attuale in Myanmar.» Leggi tutto

Voci dal Myanmar: “Stanno commettendo crimini contro l’umanità”

«Prima di tutto vorrei ringraziarvi per il Vostro interesse nel Myanmar e per l’aiuto che ci potrete dare. Come tutti voi saprete, il golpe e’ accaduto il 1 febbraio e da quell giorno, abbiamo contrastato i militari in tutti i modi possibili, come per esempio, manifestazioni pacifiche, chiedendo per la democrazia.» Leggi tutto

Il punto di vista di Albertina Soliani

 
«L’Italia si prenda cura di Aung San Suu Kyi, impegnandosi in una azione di mediazione che assicuri la sua salute, la sua protezione, la sua accoglienza in caso di necessità. L’Italia metta in campo ogni intervento utile a far cessare la violenza in Myanmar»

Medici per la Birmania

«Esortiamo i nostri colleghi a unirsi a un movimento globale di protesta contro l’ingiustizia e chiediamo il ritorno della pace e della democrazia in Myanmar. Il regime militare illegale rappresenta un rischio estremo per la salute e i diritti umani del popolo del Myanmar e non deve continuare. Le molestie e l’arresto di medici e operatori sanitari per proteste pacifiche sono un atto criminale e non possono essere tollerati»

 

 

 

Voci dalla Birmania

 
Le parole dei nostri amici in Birmania. Anche distanti, siamo più uniti che mai.

 

 

L’arte di protestare

 

Quando l’Arte diventa Protesta.

Sostienici:

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese